HOME-IMAGES-(22)
HOME-IMAGES-(17)
HOME-IMAGES-(26)
HOME-IMAGES-(8)
HOME-IMAGES-(24)
HOME-IMAGES-(25)
HOME-IMAGES-(12)
HOME-IMAGES-(18)
HOME-IMAGES-(11)
HOME-IMAGES-(3)
HOME-IMAGES-(15)
HOME-IMAGES-(16)
HOME-IMAGES-(23)
HOME-IMAGES-(14)
HOME-IMAGES-(5)
HOME-IMAGES-(19)
HOME-IMAGES-(21)
HOME-IMAGES-(20)
HOME-IMAGES-(10)
HOME-IMAGES-(4)
HOME-IMAGES-(1)
HOME-IMAGES-(2)
HOME-IMAGES-(13)
HOME-IMAGES-(9)
HOME-IMAGES-(7)
HOME-IMAGES-(6)

 
 
 
 
 

CURIOSITÀ

La Ferrari Farm si trova in un podere collinare di 10 ettari, dominante il Lago Salto, il più grande invaso artificiale della Regione Lazio. La zona è nota come Cicolano nella bassa Provincia di Rieti al confine sud-est con l’Abruzzo, zona prevalentemente montuosa. Tale zona fu abitata in epoca antica dagli Equi, un popolo dell'Italia centrale, che si stabilì qui dopo la sconfitta patita per opera dei Romani intorno agli inizi del IV secolo a.C. Fino al 1861 il Cicolano era parte del Regno di Napoli (che, dopo la conclusione del Congresso di Vienna del 1815, fu denominato Regno delle Due Sicilie) nell'ambito della provincia dell'Abruzzo Ulteriore Secondo con capoluogo Aquila. In seguito al riordino amministrativo voluto dal regime fascista di Mussolini, con la suddivisione del territorio in Regioni oltre che Provincie, dal 1927 il territorio del Cicolano fu staccato dall'Abruzzo Ulteriore Secondo e fu conferito dal regime fascista alla provincia di Rieti.